Solo

Notte fonda. 00.50. Solo. Il vagone era lungo. Vuoto. Era estate. Tutti i finestrini erano abbassati e i tendaggi svolazzavano scomposti animati maldestramente dall’aria che entrava. Il rumore ritmico del treno in velocità era assordante. Avrebbe impedito qualsiasi comunicazione.

Annunci